Mukti Mata ricorda Paramahansa Yogananda

“Egli era come l’universo: conosceva tutto, percepiva tutto."

Back to Schedule
Donate

Discepola di Paramahansa Yogananda per oltre sessanta anni, Mukti Mata (1922–2008) ha servito in qualità di Ministro della Self-Realization Fellowship. Ebbe modo di incontrare il Guru nel 1945. Nel CD, di cui offriamo i brani che seguono, ci racconta alcune sue esperienze con Paramahansaji.

“Egli era come l’universo: conosceva tutto, percepiva tutto. L’amore che nutriva per ogni anima che giungeva a lui era meraviglioso, straordinario, puro, come luce dal cielo”.

Venni a conoscenza degli insegnamenti della Self-Realization Fellowship e del Maestro, inaspettatamente, nell’autunno del 1945. In quel periodo, avendo intuito che stava per accadere qualcosa nella mia vita, mi ero rivolta a Dio dicendo: “Signore, se esisti, ti sfido a provarmelo”. La richiesta era alquanto perentoria. Due settimane più tardi una persona di mia conoscenza venne da me e disse semplicemente: “Andiamo a Hollywood”.

Non immaginavo nemmeno lontanamente che saremmo andati in una chiesa – la Chiesa della Self-Realization Fellowship. Quando questa persona ne pronunciò il nome, mi chiesi: “Che cosa significa?”. Ritenni si trattasse di un Ministro che avrebbe illustrato un qualche concetto filosofico sulla religione, o qualcosa del genere.

Ma quando il Maestro apparve e lo vidi, pensai: “Non è un essere qualunque. Questo uomo conosce Dio”. Mi domando spesso: “Come è possibile spiegare agli uomini il concetto di onniscienza?”. Egli percepiva ogni nostro pensiero, ogni sensazione, sapeva da dove venivamo e dove eravamo diretti (grazie a Dio qualcuno lo sapeva!). Dopo il mio primo contatto al Tempio di Hollywood, mentre lasciavo l’edificio ero consapevole di allontanarmi solo fisicamente, ma non in altro modo.

Fin da piccola, ogni due o tre anni, disegnavo un paio di occhi castani e in quegli occhi cercavo d’infondere una espressione di eternità. A volte la mia concentrazione era così focalizzata su quel pensiero che essi sembravano prendere vita: erano reali. E poi, quando guardai il Maestro, vidi quegli stessi occhi.

Egli era come l’universo: conosceva tutto, percepiva tutto. E l’amore che nutriva per ogni anima che giungeva a lui era meraviglioso, straordinario, puro, come luce dal cielo.

Ascolta

Centinaia di migliaia di veli invisibili si sollevarono in un istante...

Scarica l'mp3 del discorso completo di Mukti Mata sui suoi ricordi di vita con Paramahansa Yogananda.

Scarica adesso — In Inglese

flower

Condividi su