Le verità nascoste nei Vangeli

Back to Schedule
Donate

Estratti dal commento in due volumi di Paramahansa Yogananda sul Nuovo Testamento: La seconda venuta di Cristo: la risurrezione di Cristo dentro di te

In secondo luogo-Coming-of-Christ_Cover_RGB.jpg # patrimoniale: 1157

Introduzione

In queste pagine offro al mondo un'interpretazione spirituale percepita in modo intuitivo delle parole pronunciate da Gesù, verità ricevute attraverso l'effettiva comunione con la Coscienza di Cristo ... Rivelano l'unità perfetta che esiste tra le rivelazioni della Bibbia cristiana, la Bhagavad Gita dell'India e tutte le altre scritture vere testate nel tempo.

I salvatori del mondo non vengono a favorire divisioni dottrinali nemiche; i loro insegnamenti non dovrebbero essere usati a tal fine. È un termine improprio persino riferirsi al Nuovo Testamento come alla Bibbia “cristiana”, poiché non appartiene esclusivamente a nessuna setta. La verità è pensata per la benedizione e l'elevazione dell'intera razza umana. Poiché la Coscienza Cristica è universale, anche Gesù Cristo appartiene a tutti ...

Nel intitolare quest'opera La seconda venuta di Cristo, non mi riferisco a un ritorno letterale di Gesù sulla terra .... Mille "cristi" inviati sulla terra non ne riscatterebbero la popolazione se non diventassero simili al Cristo, purificando ed espandendo la propria coscienza individuale per ricevere la seconda venuta della Coscienza Cristica, come è stato manifestato in Gesù ... Il contatto con questa Coscienza, sperimentato nella gioia sempre nuova della meditazione, sarà la vera seconda venuta di Cristo, e avverrà proprio nella coscienza del devoto.

Il “Figlio unigenito”: la Coscienza Cristica

C'è una significativa differenza di significato tra Gesù e Cristo. Il suo nome di battesimo era Gesù; il suo titolo onorifico era "Cristo". Nel suo piccolo corpo umano chiamato Gesù nacque la vasta Coscienza Cristica, l'intelligenza onnisciente di Dio onnipresente in ogni parte e particella della creazione. Questa Coscienza è "l'unico Figlio generato da Dio", così designato perché è l'unico riflesso perfetto nella creazione dell'Assoluto Trascendentale, dello Spirito o di Dio Padre.

Fu di quella Coscienza Infinita, piena dell'amore e della beatitudine di Dio, che San Giovanni parlò quando disse: "Quanti hanno ricevuto lui (la Coscienza Cristica), hanno dato a lui il potere di diventare figli di Dio"...

Tramite la scienza della meditazione nota per millenni agli yogi e ai saggi dell'India e a Gesù, qualsiasi cercatore di Dio può allargare il calibro della sua coscienza all'onniscienza, per ricevere in sé l'intelligenza universale di Dio.

La verità nascosta nelle parabole di Gesù  

E i discepoli vennero e gli dissero: "Perché parli loro con le parabole?" Egli rispose e disse loro: “Perché a voi è stato dato di conoscere i misteri del regno dei cieli, ma non a loro ... Perciò parlo loro con le parabole: perché loro pur guardando non vedono; e pur udendo non ascoltano, né tanto meno comprendono". 

Quando i discepoli chiesero a Gesù perché insegnasse alla gente attraverso le semplici immagini delle parabole, rispose: “Perché è stabilito che voi, i miei veri discepoli, che vivete una vita spirituale e disciplinate le vostre azioni secondo i miei insegnamenti, meritate, in virtù del vostro risveglio interiore acquisito in meditazione, di comprendere la verità degli arcani misteri del cielo e di come raggiungere il regno di Dio, la Coscienza Cosmica nascosta dietro la creazione vibratoria dell'illusione cosmica. Ma le persone comuni, impreparate alla ricettività, non sono in grado né di comprendere né di praticare le verità più profonde della saggezza. Dalle parabole, secondo la loro comprensione, traggono le verità più semplici della saggezza che invio loro. Con l'applicazione pratica di ciò che sono in grado di ricevere, fanno qualche progresso verso la redenzione"...

In che modo l'uomo ricettivo percepisce la verità, mentre il non vedente “guarda senza vedere; e ode senza ascoltare, né tanto meno comprende”? Le ultime verità del cielo e del regno di Dio, la realtà che sta dietro la percezione sensoriale e al di là delle speculazioni della mente razionalizzante, possono essere afferrate solo dall'intuizione: risvegliare la conoscenza intuitiva, la pura comprensione dell'anima.

Gesù, il Cristo orientale: uno Yogi supremo  

Cristo è stato molto male interpretato dal mondo. Anche i principi più elementari dei suoi insegnamenti sono stati profanati e le loro profondità esoteriche sono state dimenticate. Sono stati crocifissi per mano del dogma, del pregiudizio e della comprensione ristretta. Le guerre genocide sono state combattute, le persone sono state bruciate come streghe ed eretici, sulla base della presunta autorità delle dottrine del cristianesimo create dall'uomo. Come salvare gli insegnamenti immortali dalle mani dell'ignoranza? Dobbiamo conoscere Gesù come un Cristo orientale, un supremo yogi che manifestava la piena padronanza della scienza universale dell'unione di Dio, e poteva quindi parlare e agire come un salvatore con la voce e l'autorità di Dio. È stato troppo "occidentalizzato".

god_realization_Jesus_Christ.jpg # risorsa: 2254


La verità esoterica rivela la religione universale della comunione con Dio

La lettura esoterica  delle Scritture avvolge nel dogma l'universalità della religione. Un panorama di unità si sviluppa nella comprensione della verità esoterica ... Le incarnazioni divine non vengono per portare una religione nuova o esclusiva, ma per ripristinare la Religione unica della realizzazione di Dio.

flower

Molte sono le chiese e i templi fondati nel suo nome, spesso ricchi e potenti, ma dov'è la comunione che ha sottolineato: il contatto effettivo con Dio? Gesù vuole che il suo tempio sia edificato dapprima e sopratutto nell'anima umana, in seguito sia stabilito esternamente nei luoghi fisici di culto. C sono invece innumerevoli enormi edifici con vaste congregazioni indottrinate nella religiosità, ma poche anime che sono veramente in contatto con Cristo attraverso la profonda preghiera e la meditazione.

Riscoprire il cuore del messaggio di Gesù

La mancanza di preghiera individuale e di comunione con Dio ha allontanato i cristiani moderni e le sette cristiane dall'insegnamento di Gesù sulla vera percezione di Dio, come è vero anche per tutti i percorsi religiosi inaugurati dai profeti inviati da Dio i cui seguaci seguono le vie del dogma e del rituale piuttosto che la vera comunione con Dio. Quei percorsi, che non comprendono l'addestramento per l'elevazione spirituale dell'anima, si colmano di dogmi ed erigono muri per escludere le persone con idee diverse. Le persone divine che percepiscono veramente Dio includono tutti nel cammino del loro amore, non nel concetto di congregazione eclettica ma nella reverente amicizia divina verso tutti i veri amanti di Dio e i santi di tutte le religioni.

flower

Il Buon Pastore delle anime ha aperto le sue braccia a tutti, respingendo nessuno, e con amore universale ha spinto il mondo a seguirlo sulla strada della liberazione attraverso l'esempio del suo spirito di sacrificio, rinuncia, perdono, amore per amici e nemici, e amore supremo per Dio sopra ogni altra cosa. Come il piccoletto nella mangiatoia di Betlemme e come il salvatore che guarì i malati e risuscitò i morti e applicava l'unguento dell'amore sulle ferite degli errori, il Cristo in Gesù visse tra gli uomini come uno di loro che anche loro avrebbero potuto imparare vivere come dei.

L'indescrivibile amore di Dio  

“Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi, chiedete ciò che volete e vi sarà dato ...

“Come il Padre ha amato me, così anche io ho amato voi: continuate nel mio amore. Se osservate i miei comandamenti, dimorerete nel mio amore; anche se ho rispettato i comandamenti di mio Padre e dimoro nel Suo amore. Vi dico queste cose affinché la mia gioia possa restare in voi e la vostra gioia sia completa".

Gesù promise ai suoi discepoli che “Se dimorate in me e le mie parole dimorano in voi", cioè se la loro coscienza fosse perfettamente in sintonia con la Coscienza Cristica e le sue emanazioni di Vibrazione Cosmica, sarebbero stati in grado di compiere grandi miracoli per mezzo dell'universale principio creativo ....

Quindi Gesù disse loro parole preziose, le più care al cuore del devoto: disse loro che li amava con lo stesso amore divino, imparziale e immortale con cui il Padre Celeste amava Lui... Provate ad immaginare l'amore di cui parla Gesù in queste versi ....

Sentire l'amore spirituale di tutti i cuori puri trasporta in un'estasi di gioia così grande, così travolgente, che non può essere contenuta, una carica di beatitudine che passa attraverso il proprio essere, mille milioni di volt di potere estatico. Questa emozione divina è al di là della descrizione: una comunione di indicibile dolcezza con l'Infinita Grazia, l'Indescrivibile Gloria, l'Eterna Protezione. Questo è l'amore di Dio che Gesù ha sentito e con cui ha protetto i suoi discepoli: "Come il Padre ha amato me, così anche io ho amato voi: continuate nel mio amore".

flower

Il Vangelo conserva una registrazione delle parole di Gesù in questa santa occasione; ma i lettori dovrebbero rendersi conto, e provare a sentirsi dentro di sé come se anche loro fossero stai presenti, che dietro quelle parole c'era la tangibile presenza vibratoria di Dio. Durante i periodi di comunione divina (satsanga) come fu l'Ultima Cena di Gesù con i suoi discepoli, coloro che sono ricettivi si sentono trasportati in una coscienza superiore della percezione di Dio che si riversa nei loro cuori e nelle loro menti mentre il maestro parla. Questa sintonia satura la coscienza del devoto, nel modo più elevato, ogni volta che evoca la grazia del guru nel tempio interno della meditazione profonda e colma di adorazione.

La risurrezione di Gesù e la sua presenza eterna

La resurrezione è stata ben compresa dagli esperti yogi indiani fin dagli albori delle epoche più elevate. Gesù stesso era uno yogi realizzato: uno che conosceva e aveva dominato la scienza spirituale della vita e della morte, la comunione di Dio e l'unione di Dio, uno che conosceva il metodo di liberazione dall'illusione nel regno di Dio. Gesù ha mostrato nella vita e nella morte il suo potere di completa padronanza del suo corpo e della sua mente e delle forze spesso recalcitranti della natura. Comprendiamo la risurrezione nel suo vero significato quando comprendiamo la scienza yoga che definisce chiaramente i principi di base con cui Gesù ha resuscitato il suo corpo crocifisso nella libertà e nella luce di Dio ....

Nessun'altra scienza ha descritto in dettaglio la discesa della coscienza individualizzata di Dio come anima nell'uomo e la sua ascesa evolutiva e spirituale nello Spirito. In questa epoca moderna,Il Kriya Yoga è stato riportato alla luce, dopo essere stato perso nei secoli bui, come metodo definito per accelerare l'evoluzione spirituale della coscienza umana e aprire il percorso cerebrospinale interno dell'ascensione, liberando l'anima attraverso l'occhio spirituale nel regno dello Spirito Santo, la Coscienza Cristica e la Coscienza Cosmica di Dio Padre.

Il regno di Dio dentro di voi

Esiste una meravigliosa armonia tra gli insegnamenti di Gesù Cristo per entrare nel "regno di Dio dentro di voi" e gli insegnamenti Yoga stabiliti da Lord Krishna nella Bhagavad Gita per riportare il Re Anima, il riflesso di Dio nell'uomo, al suo legittimo dominio del regno corporeo, con piena realizzazione degli stati di coscienza divini dell'anima. Quando l'uomo si stabilisce in quel regno interiore della coscienza divina, la percezione intuitiva risvegliata dell'anima trafigge i veli di materia, energia vitale e coscienza e scopre l'essenza di Dio nel cuore di tutte le cose ...

Il Raja Yoga, la via regale dell'unione con Dio, è la scienza della realizzazione effettiva del regno di Dio che giace dentro il sé. Attraverso la pratica delle sacre tecniche yoga dell'interiorizzazione ricevute durante l'iniziazione da un vero guru, si può trovare quel regno risvegliando i centri astrali e causali della forza vitale e della coscienza nella colonna vertebrale e nel cervello, che sono le porte verso le regioni celesti della coscienza trascendente. Chi raggiunge tale risveglio conosce Dio onnipresente nella sua natura infinita, nella purezza della propria anima, e persino nei mantelli illusori di mutevoli forme e forze materiali.

flower

Gesù ha approfondito gli insegnamenti che sembrano semplici in superficie, ma che sono molto più profondi di quanto la maggior parte della gente comprenda...Nei suoi insegnamenti c'è l'intera scienza dello yoga, la via trascendentale dell'unione divina attraverso la meditazione.

Condividi su