La tecnologia più avanzata dell'umanità

Back to Schedule
Donate

La tecnologia ci fornisce un aiuto cruciale in molti aspetti della nostra vita. Ma mentre trascorriamo sempre maggiori quantità di tempo connessi ai nostri vari dispositivi digitali, sentiamo spesso di essere sempre più disconnessi dalla pace interiore, dalla semplicità, dall’armonia e da un senso naturale di meraviglia.

In poche parole, la tecnologia si riduce all’utilizzo di una tecnica per raggiungere più rapidamente il fine che desideriamo. Idealmente, essa dovrebbe invece aumentare la nostra capacità di raggiungere la felicità, la sicurezza e la comprensione più profonda di noi stessi in relazione al mondo in cui viviamo.

La tecnologia più avanzata dell’umanità si può trovare nel sistema del Raja Yoga, nell’uso delle tecniche yoga di meditazione, particolarmente nelle tecniche del Kriya Yoga.

Nella sua Autobiografia di uno Yogi, nel capitolo La scienza del Kriya Yoga, Paramahansaji afferma: “Riferendosi all’efficacia sicura e sistematica dello yoga, Krishna elogia lo yogi che pratica le tecniche con queste parole: “Lo yogi è più grande degli asceti che disciplinano il corpo, più grande persino di coloro che seguono il sentiero della saggezza (Jnana Yoga) o il sentiero dell’azione (Karma Yoga); sii tu, o mio discepolo Arjuna, uno yogi!”.

Lo “yogi tecnologico”, ovvero il ricercatore della verità che si serve di tecniche specifiche per raggiungere la meta dello yoga segue realmente un metodo sicuro, che gli consente di non dissipare l’energia e la gioia della vita, ma che gli permette invece di rifornire all’infinito il corpo di energia e di rinvigorirlo tramite il contatto con il beato Sé immortale, l’anima.

Come Arjuna, il discepolo ideale del Signore Krishna nella Bhagavad Gita, possiamo anche noi raggiungere, mediante la tecnologia del Kriya Yoga, uno stato tale di armonia e calma interiore da essere in grado di vivere nel mondo di oggi, dipendente dalla tecnologia, con equilibrio e discernimento, senza perdere il nostro senso naturale di integrità e di benessere.

La chiave sta nell’essere, dalle parole di Paramahansaji: “tranquillamente attivi e attivamente tranquilli”. Per essere tranquillamente attivi nella nostra vita (online e non), dobbiamo prima diventare “attivamente tranquilli” durante la meditazione e conquistare la saggezza necessaria per affrontare le sfide imprevedibili e il ritmo accelerato del nostro mondo contemporaneo.

Nelle tecniche di meditazione del Raja Yoga, come quelle insegnate nelle Lezioni della Self-Realization Fellowship, l’umanità può trovare la tecnologia più avanzata esistente e il metodo per condurre una vita davvero vittoriosa, colma di pace e gioia sempre nuove e della realizzazione del nostro più alto potenziale.

Aprite la porta della calma e lasciate che i passi del silenzio entrino lievi nel tempio di tutte le vostre attività. Compite tutti i doveri serenamente, ricolmi di pace. Dietro il battito del vostro cuore, sentirete il palpito della pace di Dio. Colmate il vostro cuore con la pace della meditazione.

Paramahansa Yogananda

Condividi su