Qual è il cuore dello Yoga?

Back to Schedule
Donate

“Lo Yoga è l’unione dell’anima con lo Spirito, l’unione con quella grande Felicità che tutti cercano. Non è una bella definizione? Nella beatitudine sempre nuova dello Spirito, comprenderete che la gioia che provate è più grande di ogni altra felicità e che niente potrà togliervela.”

Paramahansa Yogananda

La meditazione è stata, fin dai tempi più antichi, il cuore della filosofia indiana dello Yoga. Il suo scopo è contenuto nel significato letterale della parola yoga: l’“unione” della nostra coscienza individuale, l’anima, con la Beatitudine eterna e infinita: lo Spirito.

Per raggiungere questa unione con la beata coscienza dello Spirito e liberarci così da ogni forma di sofferenza, è necessario praticare la meditazione con costanza, seguendo un processo sistematico testato nel tempo. Dobbiamo, cioè, applicare una scienza.

Il Raja (“regale”) Yoga è la scienza completa della realizzazione di Dio che comprende i metodi graduali della meditazione e del giusto comportamento, tramandati per millenni e considerati le pratiche essenziali del Sanatana Dharma (“la Religione eterna”) dell’India. La scienza eterna e universale dello yoga è all’origine degli insegnamenti esoterici che costituiscono il cuore di tutte le vere religioni.

Gli insegnamenti del Raja Yoga della Self-Realization Fellowship suggeriscono un modo di vivere che conduce a uno sviluppo perfetto del corpo, della mente e dell’anima, basato sulla meditazione Kriya Yoga, che comprende la tecnica di pranayama (controllo della forza vitale) a cui fanno riferimento, senza spiegarla esplicitamente, Bhagavan Krishna nella Bhagavad Gita e il saggio Patanjali negli Yoga Sutra. Il Kriya Yoga, perduto da molti secoli per l’umanità in generale, fu reintrodotto in tempi moderni da una linea di illustri maestri dello yoga: il Mahavatar Babaji, Lahiri Mahasaya, Swami Sri Yukteswar e Paramahansa Yogananda.

Paramahansa Yogananda fu scelto dalla venerabile linea di discendenza dei suoi guru per portare la scienza del Kriya Yoga in Occidente e diffonderla in tutto il mondo ed è per questo che nel 1920 egli fondò la Self-Realization Fellowship.

Il fulcro dell’equilibrato sentiero del Kriya Yoga è la pratica quotidiana delle tecniche scientifiche di meditazione insegnate da Paramahansa Yogananda nelle Lezioni della Self-Realization Fellowship. Con la pratica della meditazione, impariamo a calmare l’irrequietezza del corpo e della mente e a percepire così la pace, l’amore, la saggezza e la gioia durevoli che costituiscono la vera natura del nostro essere, qualsiasi cosa avvenga nel mondo intorno a noi.

“Meditate di più. Voi non sapete quanto sia meraviglioso. È molto meglio meditare che passare ore a cercare denaro o amore umano o qualsiasi altra cosa possiate immaginare. Quanto più meditate e quanto più la vostra mente rimane incentrata nello stato spirituale durante le vostre attività, tanto più sarete capaci di sorridere. Io sono ormai sempre in tale consapevolezza della beatitudine di Dio. Niente mi tocca; che io sia solo o con la gente, la gioia del Signore è sempre presente. Ho conservato il mio sorriso; ma conquistarlo permanentemente mi è costato un duro lavoro! Gli stessi sorrisi sono dentro di voi; ci sono la stessa gioia e la stessa beatitudine dell’anima. Non avete bisogno di acquisirle, ma piuttosto di riconquistarle”.

Paramahansa Yogananda

Abbonati alle Lezioni della SRF

Condividi su